FAIR & UNFAIR PLAYS : RISPETTO

| 17 marzo 2013

Fair & Unfair plays” e’ una rubrica la cui essenza è FARE “DENUNCIA” PER CREARE CULTURA SPORTIVA.

In altri termini e’ nostra intenzione dare concreta sistematicita’ all’argomento attraverso le “voci” di chi, come noi, si sforza di valorizzare e sottolineare i comportamenti corretti delle squadre (giocatori e dirigenti) che intendono lo sport come manifestazione sicuramente competitiva ma leale e sana e che soprattutto vivono il triplice fischio finale dell’arbitro come momento definitivo in cui l’agonismo che, logicamente divide, scompare.

Ma, e speriamo di farlo raramente, dare anche la possibilita’ di stigmatizzare e denunciare (anche agli organi federali laddove necessario) eventualmente comportamenti “anomali”, minacciosi, ingiuriosi, violenti e antisportivi verificatisi sia in campo che fuori .

Compito arduo, ma partiamo da un concetto che deve accompagnarci sempre, nello sport come nella vita: agire lascia il segno !!

E questo nostro costante richiamo al fair play e’ il segno che dobbiamo ricordarci di metterlo in campo perche’ ce ne siamo dimenticati. Richiamare un valore significa che quel valore si sta smarrendo !!!

Curata da Pasquale Migliore, la rubrica dà quindi l’opportunità a tutti i dirigenti delle squadre militanti nel girone B del campionato di serie C2 di calcio a 5 di segnalare le, speriamo, tantissime testimonianze di “fair plays” nelle gare della giornata disputata durante il week end ma lascia aperta la sua porta anche alle segnalazioni delle “unfair plays”

Durante il week end, infatti, ogni dirigente delle compagini militanti nel nostro girone potrà inviare la propria segnalazione alla casella postale unitedcoloursofutsal@gmail.com oppure scriverci direttamente nella sezione CONTATTI del nostro sito www.unicof.it che leggera’ poi , sistematicamente ogni lunedì, nella news della relativa rubrica .

Il nostro augurio è che questa piccola iniziativa dal grande valore sportivo ci aiuti a far prevalere la cultura del competere per mettersi alla prova sulla cultura della vittoria a ogni costo.

Primi, elementari, ma tuttavia sostanziali passi per essere persone migliori anche nella vita !!

 

RISPETTO

Non conosciamo sconfitta peggiore, risultato più amaro di quello di una mancanza di rispetto.

Spesso ci siamo soffermati sul concetto e il valore della parola rispetto, ma non è mai abbastanza.

Rispetto è una parola “pesante”, che merita di essere pensata, riverita, ricordata. Non è solo una nostra “mania”, addirittura la FIFA ha pensato e preteso che sulle maglie delle migliori squadre d’Europa, durante la più prestigiosa competizione calcistica per club, campeggiasse in bella mostra la parola RESPECT.

È un termine e un valore che pretende la reciprocità, ovvero per essere rispettati bisogna rispettare, questa sua caratteristica lo fa diventare fondamentale per la compattezza di un gruppo, sia esso sportivo che sociale.

Proprio per questo quando ci si sente parte di un gruppo ci si carica di una responsabilità verso se stessi e verso gli altri, si accettano le regole, si gode degli onori e ci si impegna per gli oneri. Purtroppo la deriva “virtuale” dei rapporti umani spinge molti ragazzi a sottovalutare la portata di un loro comportamento irrispettoso, come se bastasse un click su un enorme tasto cancella per riparare ai dispiaceri causati o alle difficoltà procurate. Come se bastasse avere un numero x di “amici” su facebook per non curarsi di compagni reali, come se nella vita contassero di più i “mi piace” che il IO SONO, IO AGISCO.

Che amarezza talvolta!, questa sì reale, perché la realizzazione di un gruppo è un processo certosino, richiede tempo, ci si impiegano energie,  ognuno ci mette il proprio pezzo. Quando qualcuno poi, con i propri atteggiamenti e in maniera inconsapevole (vogliamo sperare) si scarica delle proprie responsabilità, vanifica il progetto comune in nome di chissà cosa di diverso, compie atti irrispettosi e perde di conseguenza il nostro rispetto.

 Se poi magari ci si rende conto che si sta sbagliando e si è disposti a chiedere scusa al gruppo, impegnandosi a ricucire gli strappi, noi siamo pronti, anzi prontissimi a sottoscrivere questo atteggiamento con un MI PIACE REALE, quello che piace a noi, quello della vita vera.

Category: "FAIR & UNFAIR PLAYS"

About the Author ()

Comments are closed.